I giorni a Vienna


Le lezioni, la vita... Da Settembre a Ottobre del 1980


Passo' gia' il primo mese in cui ci furono tante cose da fare e ci abituammo un po' alla vita. Le insicurezze erano diventate piu' piccole e le piacevolezze erano diventate invece piu' grande.

Avevamo il piacere di passeggiare. Andavamo spesso al Parco Comunale vicino al nostro appartamento. Nonostante si trovasse nel centro c'erano tanti alberi e laghetti dove venivano uccelli, anatre, cigni e anche pavoni.
Il 19 Settembre andammo dal signor professor Brabec. Quando arrivammo alla sua casa ci accolse come se fossimo ospiti importanti venuti dall'estero lontano. Prendendo sherry e Apfelstrudel che sua suocera aveva preparato dissi d'aver voluto studiare con lui assolutamente perché avevo ascoltato tante ottime registrazioni del Quartetto Barilli di cui faceva parte il signor professore. La registrazione dell'introduzione di "Il poeta ed il contadino" di Franz von Suppe' che ascoltammo insieme fu bellissima. Non avevo ascoltato mai il suo solo nell'orchestra quindi fui molto commosso.

Parlammo delle musiche che avrei dovuto studiare. Il signor professore disse che i repertori classici erano importanti: Bach, Boccherini, Valentini ecc. Io dissi di volere studiare anche i repertori di duo per violoncello e pianoforte con Fumiko. Il signor professore ci propose di studiare le sonate di Beethoven, Brahms, Shostakovich e Rachmaninov ecc. La lezione sarebbe cominciata la settimana dopo.

Sotto il tiglio giallo
Era pieno di tensione nella nostra casa perche' io stavo preparandomi per la prima lezione di violoncello e Fumiko stava provando pianoforte con tutta la forza per l'esame d'ammissione imminente.
Fummo però molto contenti d'andare alla messa del duomo St. Stephans e di poter pregare con gratitudine. Durante il primo mese quanti aiuti e incoraggiamenti c'erano stati dati da tante persone!

La settimana dopo comincio la lezione sostanziosa e alcuni giorni dopo Fumiko diede l'esame ed il 1 Ottobre lo supero'. Avevamo provato a turno gli strumenti nel soggiorno ma io mi trasferii nella camera da letto e poi potevamo suonare sempre quando volevamo.

Alla porta dell'Accademia per Musica
Mentre facevamo una passegiata ci sembrava la vista piu' bella.
La prima nevicata di Novembre e l'Avvento index
MY FAMILY &
PHILHARMONIEKAMMERENSEMBLE