I giorni a Vienna


Yuriko venne! Dal 5 Giugno al 10 Luglio del 1981@

Il 23 Maggio venne il papa' di Fumiko dalla Svizzera in cui aveva fatto un lavoro. Sua papa' era ingegnere meccanico. Eravamo molto contenti di rivederlo ed erano i giorni piacevoli. Andammo insieme all'Opera e al ristorante turco in cui potevamo prendere piatti di pesce che, noi studenti, vivendo frugalmente, non potevamo mai mangiare. Andammo insieme anche al "Heurige" dove prendemmo del vino nuovo.
Yuriko, sorella gemella di Fumiko, arrivo' a Vienna il 5 Giugno. Andammo all'aeroporto a prenderla. Eravamo molto contenti che Yuriko sarebbe restata in casa nostra per piu' di un mese. Vestendosi casual e rilassandosi Yuriko era sempre la stessa, a differenza nostra che vivevamo a Vienna con un po' d'ansia ma con la sua presenza ci sembrava d'essere tornati alla vita giapponese.
Yuriko si era sposata con un mio amico d'infanzia a Maggio dell'anno prima. Fu suo marito a permettere a Yuriko di venire da noi per le vacanze lunghe. Era felice perche' i genitori e i suoceri divisero la spesa per il suo viaggio e le dissero di partire senza ansia e di trascorrere una vacanza piacevole.
Mentre Yuriko restava da noi la vita nostra era molto piacevole. Andammo insieme a fare la spesa e ci divertimmo ai concerti e alle opere. Facemmo un'escursione nella Kahlenberg.
Il 15 Giugno andammo a Baden a trovare il signor professor Brabec e la signora che trascorrevano le vacanze nella citta'. Nella casa della foto a destra, Beethoven scrisse la nona Sinfonia e la casa e' adesso un museo.

I costumi folcloristici che Fumiko e Yuriko si mettevano gli scelse la signora Brabec nel suo negozio preferito.

C'erano trote nel ruscello.
Vicino alla nostra casa c'e'ra il Palazzo Belvedere che fu il palazzo di Prinz Eugen, un eroe che difese la patria dagli Ottomani.
Fumiko e Yuriko presero lezioni per quattro mani del signor professor Murazec con cui studiava Fumiko nell'Accademia. Il signor professore era un famoso pianista per l'esecuzione a quattro mani con sua moglie.
Il Parco Prater Vienese e' famoso per la gigantesca ruota panoramica. C'e' anche una piccola ferrovia chiamata Liliputbahn.
Mentre restava a casa nostra Yuriko vide 18 spettacoli dell'opera e prese 3 lezioni del signor professor Murazec e ando' anche ai musei e a fare la spesa ecc. Era molto energica.

Il 1 Luglio andammo a Hallstatt, un bellissimo paese nella regione di Salzkammergut. Il villaggio si trova su un pendio che scende fino al lago Hallstatt. Non essendoci posto per la stazione ferroviaria, si e' pensato di costruirla sulla sponda opposta, e per raggiungere il villaggio si usa un traghettino.
Dopo che avevamo trascorso due giorni a Hallstatt andammo ai Laghi Gosau con treno e l'autobus. C'erano due laghi. Arrivammo con l'autobus ad uno dei due laghi e proseguimmo a piedi per 5 km, fino ad arrivare al secondo lago. La scena in cui il monte Dachstein(2996m) si riflette sull'acqua era veramente misteriosa.
Il treno austriaco con cui saremmo andati a Meierhoven, un villaggio tirolese, stava arrivando alla stazione di Hallstatt. Avremmo continuato con gioia la viaggio nel Tirolo e poi nella Svizzera pero' dopo essere arrivati a Meierhoven Fumiko stava male. Fui in dubbio se continuare il viaggio oppure tornare a casa.
Andammo alla fine a Innsbruck perche' era piu' vicino di casa. Pero', arrivati in citta', anche Yuriko stava male. Trovai che la causa della loro indisposizione era del latte che Fumiko e Yuriko avevano preso a Gosau. Io avevo preso invece una birra e stavo sempre bene. Decisi di cancellare il seguito del viaggio e tornammo a casa.

Dopo essere arrivati a casa ed esserci rilassati si sentirono subito bene.
Cancellando il viaggio, avevamo ancora alcuni giorni prima della partenza per Giappone di Yuriko. Quindi andammo in gita fino al monte Hochsneeberg con il treno a vapore. Vedemmo le piante alpine e i camosci. Gli scarponi e i knickerbockers nuovi che comprammo con la rimanenza delle spese del viaggio andavano bene.
L'ultimo giorno a Vienna di Yuriko lo trascorremmo tranquillamente. Eravamo molto felici e grati per i giorni speciali che nostra famiglia ci regalo'.

Yuriko, ti ringrazio molto di essere venuta da noi. Continuammo gli studi qui per un anno ancora. Quando il ciclo delle quattro stagioni sara' passato torneremo in Giappone con tanti ricordi.
MY FAMILY &
PHILHARMONIEKAMMERENSEMBLE
index