I giorni a Vienna


Una bellissima primavera stava arrivando!

Dopo che la nostra vita era cominciata aVienna, passo' il primo inverno e la primavera arrivo' subito. L'inverno a Vienna era piu' freddo e piu' scuro di quello a Tokyo. Capii perche' non c'erano lampade al neon nelle case viennesi. La luce bianca di questo tipo d'illuminazione sembrava troppo fredda. C'erano in tutte le case lampadari come candele che sembravano piu' calde. Bisognava anche andare all'Opera in cui c'era sempre un'atmosfera brillante, chiara e calda. Era un piacere indispensabile in inverno.
Durante l'inverno non c'erano fiori nel Parco e tutte le fontane si fermavano. A Tokyo l'arrivo di Marzo significava la venuta della primavera. Le Foto e le lettere dal Giappone comunicavano che i fiori erano gia' bellissimi. Pero' a Vienna il tempo restava ancora invariato.

Per noi giapponesi Aprile e' il mese in cui tutto comincia: si risveglia la natura, . sotto i ciliegi in fiore si recarono a scuola gli studenti vecchi e nuovi per le lezioni del nuovo anno scolastico appena iniziato. Siccome era difficile vedere questa situazione noi ricordavamo la nostra primavera giapponese con un pizzico di nostalgia.

Pero' l'ora legale comincio' dal 29 Marzo e gli alberi germogliarono poco a poco da questo periodo.

Eravamo in dubbio se restare a Vienna ancora un anno o meno perche' volevamo studiare di piu' con i signori professori e avevamo voglia di trascorrere tutto il ciclo delle quattro stagioni a Vienna. Pensavamo di poter provare sensazioni diverse da quelle che avevamo sentito l'anno prima. Per esempio il sentimento di aspettare la primavera sarebbe stato differente dall'esperienza della prima volta. Decidemmo di restare li' e continuare gli studi e la vita. Ebbi anche alcune opportunita' di partecipare a dei concerti in questo periodo.
Quando cominciarono a fiorire gli alberi nel Parco Comunale la citta' era diventata piu' chiara e calda.
Il signor p‚’‚‚†essor ‚d‚‚‚Ž‚•‚…‚Œ@‚a‚’‚‚‚‚…‚ƒ, il primo violoncellista dell'orchestra filarmonica di Vienna, era famoso per il ruolo nel quartetto Barilli.

I lilla' fiorivano nel periodo della Pasqua.

Gli ippocastani giganteschi anche erano in piena fioritura.

C'erano anche gli ippocastani rossi che non avevamo mai visto in Giappone.
Dopo aver deciso di restare in Vienna Yuriko, sorella di Fumiko, ci scrisse che sarebbe venuta da noi per le vacanze estivi. Mio suocero anche scrisse che sarebbe venuto a Vienna quando si fosse trovato in Svizzera per il lavoro. Noi invitammo i miei perche' avevamo voglia di far vedere la nostra vita. Il prolungamento della vita li' ci diede tanti piaceri e possibilita' di fare tante esperienze.
C'era una natura bellissima fuori citta'.
La cosa piu' importante per noi studenti all'estero era lo studio della musica per il tempo limitato. Pero' era anche importante la vita. Trascorrevamo con il senso delle stagioni diverse da quelle giapponesi e tutte le esperienze erano interessanti e piacevoli. La nostra felicita' era la fonte che ci faceva stare sempre insieme.
Yuriko venne!@ index
MY FAMILY &
PHILHARMONIEKAMMERENSEMBLE